Il PC si accende ma Windows non si avvia – Ciclo infinito di boot – Compare windows poi subito si riavvia

Articolo del gruppo Diagnosi e riparazione completa di un PC – Perchè non funziona il PC e come ripararlo.

Questa volta siamo al caso in cui accendiamo il PC, compaiono regolarmente le informazioni del BIOS ( quelle iniziali in cui compare la marca del nostro PC, la ram a disposizione etc.) compare per un po’ anche il logo ( animato o meno ) di Windows ( Windows XP, Windows 7, WIndows 8.1, Windows 10 ) e subito dopo sembra quasi di aver premuto il tastino del reset…il PC si riavvia ( eventualmente mostrando prima una immagine di crash del sistema come questa ).Windows-crash

Questo ciclo di boot di Windows è infinito, cioè, possiamo stare davanti al nostro PC acceso per ore osservando sempre questa medesima sequenza.

Il problema è quasi sempre lo stesso, si tratta dell’Hard disk, ed il problema risiede nel fatto che parte dei files del sistema operativo ( Windows ) non sono leggibili dal supporto ( l’hard disk).

Scolleghiamo la corrente dal PC!!!

Dobbiamo  smontare il disco dal PC… seguite le stesse istruzioni già descritte in Il PC non si accende ( nessun led, nessuna luce, niente di niente!) – Schermo nero per aprire il PC ma ovviamente non “prendetevela” con l’alimentatore. Questa volta il nostro obiettivo è il Disco rigido che può essere collocato in diverse posizioni… di solito bloccato da 4 viti, rimosse le quali possiamo scollegare la corrente del disco rigido ( 1 ) ed il cavo dati ( 2 ) per quest’ultimo esercitando una piccola pressione sulla clip argentata dell’attacco se presente ( Nei computers HP / Packard Bell il più delle volte il disco è alloggiato in una “slitta” che va rimossa prima di procedere alla effettiva rimozione del disco…se avete difficoltà fatemelo sapere nei commenti)Disco Rigido Collegamenti

Una volta “catturato” il nostro Hard Disk viene la parte più complessa della riparazione : dobbiamo procurarci o un lettore di dischi esterno adatto al nostro HD o un altro computer con un collegamento disponibile per il nostro supporto…

La soluzione più semplice sarebbe un lettore esternoHard-disk-lettore esterno

dove alloggiare temporaneamente il nostro HD. Ovviamente dovremo procurarcene uno SATA se gli attacchi al nostro HD sono del tipo mostrati nella prima foto di questo articolo, o PATA se l’attacco è del tipo mostrato in foto col numero 2.Disco Rigido-PATA-SATA

Collegato l’HD al lettore esterno, tramite il cavo USB in dotazione, colleghiamo il disco ad un PC regolarmente funzionante con windows 7 / 8 / 10… se il sistema ci avverte che il disco collegato “…ha bisogno di essere analizzato e corretto…” siamo stati fortunati. Accettiamo l’operazione proposta dal sistema e aspettiamone il completamento. Poi scolleghiamo il tutto e ricollochiamo il disco nel nostro PC. Dovrebbe avviarsi regolarmente.

Se invece, una volta collegato, il sistema del computer funzionante non ci avverte di alcunchè, è il caso di procedere alla copia dei dati utente dal disco non funzionante e successivamente alla reinstallazione del sistema operativo che vediamo in dettaglio in 2 articoli dedicati.

Per dubbi o suggerimenti…ci scriviamo nei commenti!!!

 

Ho scritto qualcosa che non hai capito ? Hai un'altra idea ? Scrivi 2 righe...ci vuole un attimo!